Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘quadro’

Edvard Munch è stato un pittore norvegese. Uno dei massimi esponenti del Decadentismo e dell’espressionismo, visse fra l’Ottocento ed il Novecento.

L'Urlo

Edvard Munch, L'Urlo, 1893

L’urlo e’ il piu’ celebre quadro di Munch ed, in assoluto, uno dei piu’ famosi dell’espressionismo nordico. In esso e’ condensato tutto il rapporto angoscioso che l’artista Munch avverte nei confronti della vita. Lo spunto è decisamente autobiografico, poichè l’uomo in primo piano che urla e’ Munch stesso. Tuttavia, al di la’ della sua relativa occasionalita’, il quadro dell’urlo ha una indubbia capacita’ di trasmettere sensazioni universali. E cio’ soprattutto per il suo crudo stile pittorico. Il quadro presenta, in primo piano, l’uomo che urla. Lo taglia in diagonale il parapetto del ponte visto in fuga verso sinistra. Sulla destra vi e’ invece un innaturale paesaggio, desolato e poco accogliente. In alto il cielo e’ striato di un rosso molto drammatico. L’uomo e’ rappresentato in maniera molto visionaria. Ha un aspetto sinuoso e molle. Piu’ che ad un corpo, fa pensare ad uno spirito. La testa e’ completamente calva come un teschio ricoperto da una pelle mummificata. Gli occhi hanno uno sguardo allucinato e terrorizzato. Il naso e’ quasi assente, mentre la bocca si apre in uno spasmo innaturale. L’ovale della bocca e’ il vero centro compositivo del quadro. Da esso le onde sonore del grido mettono in movimento tutto il quadro: agitano sia il corpo dell’uomo sia le onde che definiscono il paesaggio e il cielo. Restano diritti solo il ponte e le sagome dei due uomini sullo sfondo. Sono sordi ed impassibili all’urlo che proviene dall’anima dell’uomo. Sono gli amici del pittore, incuranti della sua angoscia, a testimonianza della falsita’ dei rapporti umani. L’urlo di questo quadro e’ una intesa esplosione di energia psichica. E’ tutta l’angoscia che si racchiude in uno spirito tormentato che vuole esplodere in un grido liberatorio. Ma nel quadro non c’e’ alcun elemento che induca a credere alla liberazione consolatoria. L’urlo rimane solo un grido sordo che non puo’ essere avvertito dagli altri ma rappresenta tutto il dolore che vorrebbe uscire da noi, senza mai riuscirci. E cosi’ l’urlo diviene solo un modo per guardare dentro di se’, ritrovandovi angoscia e disperazione.

Sera nel Corso Karl Johann

Edvard Munch, Sera nel Corso Karl Johann, 1892

La Sera nel corso Karl Johann del 1892 è un’opera inquietante. Il passeggio per la via principale della città è visto come una processione di zombie in abiti alla moda. Tutte le fisionomie sono stravolte, hanno gli sguardi fissi, le teste ricordano dei teschi, hanno anche un colore bianco-giallastro, i corpi sembrano dei fantocci. Sembrano venire avanti inesorabilmente, come degli automi telecomandati, senza espressione, senza vita, senza umanità. Sulla destra la figura nera che cammina in direzione opposta. Eppure nonostante l’aspetto esile, – sembra un’ombra, non si vede il volto – ha un  aspetto pù umano, non è un essere svuotato e mostruoso come quelli in primo piano. Cammina, da solo, in silenzio va per la sua strada, sembra avere una volontà, una meta. E’ la metafora della libertà e dell’artista, che procede controcorrente e non viene compreso dalla società (mostruosa).

Read Full Post »

Pablo Picasso è stato un pittore spagnolo di fama mondiale, è considerato uno dei maestri della pittura del XX secolo.

Guernica

Pablo Picasso, Guernica, 1937

Guernica ;  fin dagli inizi della guerra di Spagna Picasso si era dichiarato a favore del governo repubblicano, e Guernica rappresenta quindi il momento del dolore e dell’ira. L’opera, di effetto monumentale, venne realizzata dopo la distruzione della cittadina basca, in meno di due mesi. Abbiamo diverse versioni del quadro. Picasso studiò febbrilmente la scena in un centinaio di disegni preparatori datati tra il primo ed il nove maggio del 1937. L’emozione e la collera di Picasso per il massacro viene espressa nel quadro con una visione drammatica di corpi sfatti, visi stravolti, in uno sfondo privo di colore in cui echeggiano urla lancinanti. L’autore è all’apice della sua tensione creativa. La novità di quest’opera consiste nella sintassi cromatica che ammette solamente il bianco e il nero, suggerita dalle immagini di distruzione apparse sui giornali. Si può dire, dunque, che la scena non è ambientata né dentro né fuori, bensì ovunque, poiché diverse linee guidano lo sguardo in profondità, accorciamenti prospettici irregolari confondono il dato spaziale, e non si può stabilire un’unica fonte di luce. La composizione, che si allunga orizzontalmente, riunisce sette gruppi di personaggi, e presenta un’articolazione chiara e raffinata. Due scene occupano le superfici laterali di destra e di sinistra; tra queste, secondo una struttura triangolare, si sviluppa una terza scena. Al centro, in una posizione innaturale, si vede un cavallo ferito che si volge a sinistra; dalle fauci dolorosamente spalancate fuoriescono strazianti nitriti. A destra si allungano il profilo stilizzato di una testa umana e un braccio che tiene accesa sulla scena una lampada a petrolio. Sopra la testa del cavallo s’innalza un grande “occhio di Dio” inserito al posto della pupilla, che presenta una lampadina e che è simbolo allo stesso tempo del sole e della luce elettrica. A destra del cavallo una donna inginocchiata conclude il gruppo compositivo centrale. A sinistra e sotto il cavallo ferito giace, al suolo con le braccia aperte quasi fosse crocefisso, la statua di un guerriero, che stringe con la mano destra una spada spezzata. Sopra la statua del guerriero della parte sinistra vi sono, tra le macerie fumanti, un toro e una madre urlante che tiene tra le braccia il figlio morto. Sul margine destro ,invece, vi è una figura col capo rovesciato all’indietro, la bocca spalancata in un grido di agonizzante dolore poiché avvolta dalle fiamme. Nel gennaio del 1937 il governo del Fronte Popolare affidò a Picasso la realizzazione di un pannello murale per l’arredamento del padiglione spagnolo all’esposizione mondiale che sarebbe stata inaugurata a Parigi nel luglio di quell’anno. Picasso dunque si trasferì in un nuovo atelier situato in Rue des Grands-Augustins a Parigi, la stessa strada nella quale Balzac aveva ambientato la sua novella Chef-d’œuvre inconnu. Per l’esecuzione del nuovo incarico egli pensò sulle prime di ricorrere ad un tema che trattasse la libertà dell’arte; quando però venne a sapere del bombardamento di Guernica, impressionato a tal punto da tale avvenimento, mutò il suo progetto. L’opera, realizzata già a metà giugno, sarà esposta nel padiglione Spagnolo all’Esposizione Internazionale delle Arti e Tecniche di Parigi (a cui parteciparono altri illustri pittori spagnoli: Joan Miró, Julio González e Javier Bueno), e verrà successivamente spostata negli Stati Uniti a New York al Museum of Modern Art durante l’occupazione nazista di Parigi. Picasso aveva pensato l’opera per Madrid, ma fintanto che il dittatore Franco rimase in vita, rifiutò di consegnarla alla Spagna. Il dipinto giunse in Spagna con la fine della dittatura, nel 1981, e per lungo tempo è stato esposto a Madrid al Casón del Buen Retiro presso il Prado (la direzione del quale gli era stata affidata dal governo repubblicano). Oggi è visibile al museo Reina Sofia di Madrid.

Read Full Post »

Paul Cézanne è stato un pittore francese post impressionista.

I Giocatori di Carte

Paul Cézanne, I Giocatori di Carte, 1893-1896

I Giocatori di carte è un dipinto realizzato tra il 1893 ed il 1896. È conservato al Musée d’Orsay di Parigi. Sul medesimo tema della partita a carte Cézanne dipinse cinque differenti versioni a partire dal 1890, e ogni versione fu preparata con numerosi studi di ritratto (nel personaggio a sinistra è stato riconosciuto il giardiniere di casa Cézanne, Père Alexandre), mentre la successione delle versioni vede un progressivo ridursi dei personaggi da cinque a due. L’impulso a realizzare questo ciclo venne al pittore dallo studio del quadro Giocatori di carte del pittore francese del Seicento Louis Le Nain, conservato nel Museo Granet di Aix. Il dipinto raffigura due personaggi maschili di mezza età che siedono in un cafè, l’uno di fronte all’altro a un piccolo tavolo di legno, con una tovaglietta color ruggine, intenti a giocare a carte. Sono ripresi di profilo, entrambi appoggiano braccia e mani sul tavolo reggendo le carte a ventaglio e rivolgendo loro uno sguardo intenso e concentrato. Al centro del tavolo poggia una bottiglia di vino, asse verticale della composizione, che rende l’immagine quasi speculare, se non fosse che il giocatore di destra risulta esser stato in parte “tagliato fuori” dalla composizione. I due personaggi, infatti, sembrano esser l’uno lo specchio dell’altro per posizione e aspetto. Differiscono per piccoli particolari: l’uomo di sinistra indossa una giacca pesante marrone, una bombetta del medesimo colore e fuma una pipa, il personaggio di destra invece veste una giacca verde oliva e un cappello marrone scuro morbido e sembra essere di qualche anno più giovane nonostante i capelli lievemente brizzolati che si ravvisano appena sotto il berretto. Sullo sfondo si scorge una parete, caratterizzata da una boiserie in legno scuro e sopra da uno specchio che riflette l’ambiente in modo confuso, così da non poterne percepire le dimensioni. L’immagine si presenta con uno schema fortemente geometrizzato, che conferisce ai due personaggi dignità classica. Distorcendo la visione prospettica, Cèzanne riesce ad ottenere il massimo grado di centralità, che risulti credibile in una scena di vita vissuta: questo lieve scarto dal centro è un acuto stratagemma per evitare il rischio che l’opera risulti troppo artefatta: le cose non ci si presentano mai in uno stato di perfetto equilibrio. La scena si svolge in un’atmosfera calda, quasi accogliente, conferitagli dalla gamma cromatica utilizzata, sui toni del rosso e del marrone; eccezione fatta per l’utilizzo del bianco che serve a mettere in evidenza gli elementi portanti e significativi del dipinto: la camicia dei giocatori, le carte, e il riflesso sulla bottiglia di vino. Le pennellate si compongono a tasselli, e talvolta si presentano solitarie e sintetiche, come il riflesso sulla bottiglia o il semplice tratto che descrive l’occhio infossato del giocatore di destra. Nel dipinto Cèzanne, non rende solo un’impressione, ma anche una descrizione del senso interno all’azione, come se fosse la sintesi destinata a permanere nella mente, quasi calcificata e sotto forma di ricordo.

La Casa dell'Impiccato

Paul Cézanne, La Casa dell'Impiccato, 1872

La Casa dell’Impiccato è una delle tre tele che Cézanne presenta alla prima mostra impressionista del 1874. L’influsso del suo amico Camille Pissarro, con il quale lavora regolarmente nella regione di Pontoise e di Auvers-sur-Oise, è evidente. Rispetto alle sue opere di gioventù, Cézanne ha adottato i colori chiari e la pennellata frammentata degli impressionisti. Egli ha altresì abbandonato i temi drammatici o letterari a favore di un soggetto semplice, addirittura banale. Benché si tratti di un’opera impressionista, La casa dell’impiccato rivela un impressionismo molto personale e rivisitato dall’artista stesso. La composizione di questa tela è complessa. Possiamo notare molti assi forti a partire da un punto centrale: una strada che sale verso la sinistra; un’altra che scende verso la parte centrale del quadro; una scarpata che forma una curva che sbuca verso destra; i rami degli alberi si innalzano obliquamente verso l’alto. I piani si uniscono in modo molto ravvicinato. Lo spessore della pennellata granulosa sembra “costruire” il quadro. L’assenza di personaggi, la vegetazione immobile, austera, le tonalità fredde contribuiscono a creare un forte sentimento di solitudine.
Questo quadro, tuttavia, benché non abbia convinto la critica, è anche la prima opera che Cézanne riuscirà a vendere ad un collezionista.

Read Full Post »

Pierre-Auguste Renoir è stato un pittore francese, tra i massimi esponenti dell’Impressionismo.

Bal au Moulin de la Galette e’ un quadro ch’e’ divenuto un simbolo dell’impressionismo. Nel quadro sono sintetizzati soprattutto quello spirito giovane e ottimista che caratterizza i pittori, ma anche quella gioia di vivere, tipicamente parigina, che coinvolge anche le classi popolari che trovano i loro luoghi di svago nei bar lungo la Senna per una vita apparentemente senza pensieri.

Bal au Moulin de la Galette

Pierre-Auguste Renoir, Bal au Moulin de la Galette, 1876

Il Moulin de la Galette era un locale popolare di Montmartre ove si andava a ballare all’aperto. Rispetto alla Grenouille’re, in questo quadro Renoir si concentra maggiormente sulle figure che riempiono lo spazio della visione. Molti dei personaggi raffigurati sono amici del pittore. Tutto il quadro e’ pervaso da una sensazione rilassata e tranquilla. Le persone sono tutte sorridenti. Sono protetti da una ombra fresca che riflette su di loro una luce chiara ma non accecante. Nella piu’ pura tradizione tonale, Renoir realizza gli spazi e i volumi solo con accostamenti di colori. La sua pennellata, in questo quadro, non e’ il solito tocco virgolettato ma si allunga in un andamento sinuoso e filamentoso. Si e’ molto discusso se questo quadro sia stato o non sia stato realizzato sul posto. La sua complessa elaborazione fanno ritenere che, in realta’, Renoir lo abbia realizzato nel suo studio. Esso, tuttavia, non perde alcunche’ di freschezza ed immediatezza percettiva. La sensazione e’ che il quadro sia il fotogramma di un film in continuo svolgimento. E cio’ serve appunto non a raccontare una storia ma ad esprimere in profondita’ una sensazione vitale.
Questo che rimane, probabilmente, il quadro piu’ celebre di Renoir e’ quasi la sintesi di tutto cio’ che l’impressionismo ha portato come carica innovativa nella pittura francese ed europea.

Colazione dei Canottieri

Pierre-Auguste Renoir, Colazione dei Canottieri, 1880-1882

La Colazione dei canottieri e’ un quadro realizzato pochi anni dopo il Bal au Moulin de la Galette e ne rappresenta per molti versi una variazione sul tema.
La tela raffigura un gruppo di amici sulla terrazza del ristorante Fournaise a Bougival, dove si ritrovavano abitualmente i canottieri che praticavano questo sport sul fiume Senna, ma anche attrici, pittori, ricchi borghesi, dame dell’alta societa’ e scrittori.
Il locale era frequentato anche dai pittori impressionisti e in questa tela Renoir rappresenta anche il pittore Gustave Caillebotte. La donna in primo piano, che ha tra le mani un cagnolino, e’ Aline Charigot, futura moglie di Renoir.
Il quadro e’ uno degli ultimi dipinti “impressionisti” di Renoir e di fatti gia’ si avverte un distacco dalle precedenti opere che si indirizza verso uno stile piu’ classicheggiante. Difatti, non vi e’ piu’ il suo caratteristico tocco un po’ filamentoso e le figure acquistano una solidita’ e una determinatezza piu’ classica. Anche gli effetti di luce sono meno curati, mentre vi e’ piu’ attenzione agli equilibri e all’armonia dei colori tra le varie superfici che compongono la tela. Il quadro offre uno spaccato della societa’ francese del diciannovesimo secolo e restituisce un’atmosfera di spontaneita’ e freschezza, dove i generi artistici tradizionali, quali la pittura di paesaggio, la natura morta e il ritratto, si incontrano. Il risultato e’ un dipinto che cattura l’atmosfera di un luogo idilliaco in cui un gruppo di amici condivide il piacere di un cibo genuino, del buon vino e della natura. Sembra che questa tela sia nata da una sorta di scommessa con Emile Zola. Lo scrittore aveva infatti sfidato gli impressionisti, criticati per la loro pittura superficiale e vaga, a creare una complessa scena di vita moderna, frutto di una lunga riflessione, che inaugurasse un nuovo stile pittorico. La “Colazione dei canottieri” fu la risposta di Renoir.

La Grenouillère

Pierre-Auguste Renoir, La Grenouillère, 1869

La Grenouillère ; il punto di vista è circa il medesimo di Monet ma mentre quest’ ultimo privilegia più l’immagine d’insieme, Renoir è maggiormente sensibile alle presenze umane che, pur con veloci pennellate, appaiono comunque più definite di quelle dell’amico. Renoir adotta una pennellata più minuta, frammentando la luce in piccole chiazzette di colore e conferendo all’insieme una sensazione di gioiosa vivacità. I suoi colori sono mobili e brillanti in continuo e mutevole rapporto reciproco e sempre sensibili agli infiniti filtraggi che la luce del sole subisce nell’attraversare le fronde degli alberi.

Read Full Post »